Benvenuto a Christianismus - studi sul cristianesimo
Cerca
Argomenti
  Area utenti Pagina iniziale ·  Novità ·  Scaricamenti ·  Collegamenti ·  Classifiche ·  Archivio  
Sezioni
· PAGINA INIZIALE
· Il Gesù della storia
  e i suoi seguaci
· Il giudaismo
· L'Antico Testamento
· Il Nuovo Testamento
· Gli apocrifi
· Qumràn
· Letteratura cristiana
  antica
· Incredibile...
  ma falso!
· Recensioni e schede bibliografiche

Christianismus


Per conoscere il progetto Christianismus

· Presentazione
· Andrea Nicolotti
· Gli autori
· I volontari
· Sostienici
· Contattaci


Documento: Il calendario giudaico: la misura del tempo nell'ebraismo
Messo in linea il giorno Sabato, 29 settembre 2001
Pagina: 1/3
Successiva Successiva



Il calendario giudaico: la misura del tempo nell'ebraismo

di Andrea Nicolotti

Introduzione al sistema di misurazione del tempo e ai problemi ad esso correlati.



Introduzione

L’anno giudaico, come poi quello cristiano, è scandito da ricorrenze, la cui determinazione era ed è tuttora regolata da sistemi calendariali; la conoscenza di tali sistemi è pregiudiziale per la datazione precisa degli avvenimenti riportatici dai testi antichi.

Le soluzioni che gli antichi adottarono per la misurazione dell’anno, furono differenti: gli Egiziani presero come base il movimento apparente del sole attorno alla terra e stabilirono un anno di 365 giorni (12 mesi di 30 giorni, più 5 giorni supplementari). Essendo l’anno tropico di 365 giorni, 5 ore 48 minuti e 46 secondi, si accumulava un errore che aumentava ogni anno; le successive correzioni di Giulio Cesare (calendario giuliano) e di papa Gregorio XIII (calendario gregoriano) lo hanno reso il sistema oggi più utilizzato nel mondo.

I Babilonesi si servirono invece del movimento lunare, che misura 29,530588 giorni, per cui si avevano mesi alternativamente di 29 giorni (mese difettivo) o 30 giorni (mese pieno); a cominciare dal III millennio, i popoli mesopotamici cercarono di armonizzare il loro calendario lunare con quello solare, introducendo insieme agli anni lunari di dodici mesi e 354 giorni (con un ritardo di 11 giorni l’anno), altri anni di tredici mesi, detti embolismali, di 384 giorni, ordinariamente inseriti ogni tre anni. In tal modo, i due calendari potevano procedere in modo pressoché parallelo, con un allineamento che poteva verificarsi ogni 30 anni (anche se forse non vi erano regole precise per l’inserimento degli anni embolismali).




Successiva Successiva



 
Opzioni

 Stampa Stampa


Argomento
Il giudaismo
Il giudaismo

 

 

Christianismus.it - © Tutti i diritti riservati - Copyrights reserved - Omnia iura reservantur
È vietata la riproduzione e diffusione non autorizzata dei contenuti del sito, fatta eccezione per l’uso personale. 


Sito internet realizzato da:
E' una TRX Idea...


Sito realizzato con PHP-Nuke