Benvenuto a Christianismus - studi sul cristianesimo
Cerca
Argomenti
  Area utenti Pagina iniziale ·  NovitÓ ·  Scaricamenti ·  Collegamenti ·  Classifiche ·  Archivio  
Sezioni
· PAGINA INIZIALE
· Il Gesù della storia
  e i suoi seguaci
· Il giudaismo
· L'Antico Testamento
· Il Nuovo Testamento
· Gli apocrifi
· Qumràn
· Letteratura cristiana
  antica
· Incredibile...
  ma falso!
· Recensioni e schede bibliografiche

Christianismus


Per conoscere il progetto Christianismus

· Presentazione
· Andrea Nicolotti
· Gli autori
· I volontari
· Sostienici
· Contattaci


Documento: I gruppi religiosi
Messo in linea il giorno Giovedý, 25 aprile 2002
Pagina: 2/9
Precedente Precedente - Successiva Successiva


I Sadducei

Dei Sadducei abbiamo notizie poco dettagliate e spesso a loro avverse, anche a causa della loro sparizione dopo la distruzione del 70 d.C. Il loro nome è probabilmente il patronimico di Sadoq, sommo sacerdote del Tempio all'epoca di Salomone, i cui discendenti eserciteranno il sommo sacerdozio fino al tempo di Onia III (171 a.C.); secondo altri, la parola deriva dall'ebraico zedek, cioè rettitudine, giustizia. Quale partito politico religioso proprio della classe dominante, si distinsero per il loro collaborazionismo col potere romano; ciò non impedì loro atteggiamenti fortemente nazionalisti, come il gesto di Eleazaro che nel 66 a.C. cancellò il sacrificio all’imperatore e diede forza all’insurrezione antiromana.

I Sadducei provenivano soprattutto dalla classe sacerdotale e formavano un partito aristocratico; legati alla tradizione e al servizio del Tempio, erano piuttosto snobbati dal popolo, e non avevano grande autorità al di là di quella derivante dal servizio liturgico. Nel Sinedrio, la presenza degli Scribi e dei Farisei ne limitava l’influenza.

Sul piano dottrinale essi si caratterizzavano per l’apprezzamento esclusivo della legge scritta a scapito della tradizione orale, per il rifiuto dell’immortalità dell’anima, della retribuzione personale e della risurrezione, attenendosi all’idea tradizionale dell’aldilà (sheol). La negazione dell’esistenza di angeli e spiriti ci è riportato solo dall’evangelista Luca (At 23,8), ma è in linea con il rigetto sadduceo dell’angelologia e della demonologia caratteristiche del medio giudaismo.

Essi rifiutavano anche l’ideale apocalittico di un dualismo bene-male, ed ogni predestinazione delle azioni umane; per la loro avversione al messianismo popolare, secondo i Vangeli furono i principali accusatori che portarono all’esecuzione di Gesù.




Precedente Precedente - Successiva Successiva



 
Opzioni

 Stampa Stampa


Argomento
Il giudaismo
Il giudaismo

Argomenti Correlati

QumrÓn

 

 

Christianismus.it - © Tutti i diritti riservati - Copyrights reserved - Omnia iura reservantur
È vietata la riproduzione e diffusione non autorizzata dei contenuti del sito, fatta eccezione per l’uso personale. 


Sito internet realizzato da:
E' una TRX Idea...


Sito realizzato con PHP-Nuke