Benvenuto a Christianismus - studi sul cristianesimo
Cerca
Argomenti
  Area utenti Pagina iniziale ·  Novità ·  Scaricamenti ·  Collegamenti ·  Classifiche ·  Archivio  
Sezioni
· PAGINA INIZIALE
· Il Gesù della storia
  e i suoi seguaci
· Il giudaismo
· L'Antico Testamento
· Il Nuovo Testamento
· Gli apocrifi
· Qumràn
· Letteratura cristiana
  antica
· Incredibile...
  ma falso!
· Recensioni e schede bibliografiche

Christianismus


Per conoscere il progetto Christianismus

· Presentazione
· Andrea Nicolotti
· Gli autori
· I volontari
· Sostienici
· Contattaci


Documento: Il contesto storico (dal 67 a.C. al 135 d.C.)
Messo in linea il giorno Lunedì, 31 dicembre 2001
Pagina: 9/16
Precedente Precedente - Successiva Successiva


Fino alla restaurazione del regno (36-41)

Dei successori di Pilato sappiamo solamente che Vitellio “mandò uno dei suoi amici, Marcello, perché fosse governatore della Giudea”1, e che Caligola “manda Marullo come procuratore in Giudea”2. Dal fatto che il nome Marullo è assai raro, e per altri motivi, si è pensato che forse possa trattarsi della stessa persona, nominata da Vitellio per conto di Tiberio e confermata da Caligola.

In questo tempo, invece, passarono in primo piano i magistrati romani di Siria ed Egitto, e il medesimo nuovo imperatore Caligola (37-41).

Per la Pasqua del 36 Vitellio salì a Gerusalemme, condonò alcune tasse e restituì al Tempio il parato solenne del sommo sacerdote che era da tempo conservato nella fortezza Antonia.

Al tempo di Caligola, esercitò un influsso veramente notevole sulle cose di Palestina il legato della Siria Publio Petronio (39-42); suo è il merito di aver temporeggiato sino alla morte dell’imperatore riguardo all’esecuzione di un suo insano ordine, l’erezione di una statua d’oro nel Tempio di Gerusalemme. Già la popolazione pagana di Iamnia sul litorale filisteo aveva innalzato un’ara all’imperatore, distrutta dai Giudei; Caligola, informato del fatto, ordinò nel 40 di riedificarlo ancor più sontuoso, e di collocare la statua nel Tempio. Il legato Petronio, ben conscio delle conseguenze che l’atto sacrilego avrebbe portato, per due volte cercò di dilazionare l’esecuzione di tal ordine adducendo varie scuse; l’imperatore, in un eccesso di sdegno gli ingiunse di togliersi la vita a causa della sua renitenza, ma fortunosamente l’ordine giunse a destinazione quando Caligola era già stato assassinato il 24 gennaio del 41.

Ad Alessandria d’Egitto abitava da secoli una numerosissima comunità di Giudei; dall’inizio dell’impero di Caligola, il prefetto d’Egitto Avillio Flacco, ostile ai Giudei, si diede a favorire atti contrari alla loro sensibilità. Il primo atto fu l’erezione di statue nelle sinagoghe della città, poi l’eliminazione dei loro vecchi privilegi, la cacciata in massa dalle loro case, i saccheggi, le uccisioni, le profanazioni; questi atti riportarono alla memoria dei Giudei la politica di Antioco Epifane, che due secoli prima si era macchiato di delitti simili. Ma nello stesso anno 41, dietro accusa del re Agrippa I, amico dell’imperatore e sovrano dei territori un tempo governati dal tetrarca Filippo e da Erode Antipa, Flacco venne rimosso e relegato nell’isola di Andro, ove fu ucciso.

Dopo la sostituzione, si recò a Roma una delegazione giudaica capeggiata dal filosofo Filone (autore del più volte nominato In Flaccum contro il soprannominato prefetto), e subito dopo un’altra delegazione greca guidata da quell’Apione contro il quale è diretta una apologia di Giuseppe Flavio; solo alla morte di Caligola, il successore Claudio (41-54) restituì i privilegi ai Giudei, e la pace ad Alessandria. Tra il resto, Claudio il 10 novembre del 41 fece promulgare ad Alessandria una lettera, copia della quale fu ritrovata nel 1924, nella quale rifiutava il culto divino, riconfermava la libertà religiosa e imponeva la mutua tolleranza fra pagani e Giudei3.


1 Antiquitates Iudaicae XVIII, 89.

2 Antiquitates Iudaicae XVIII, 237.

3 H. I. BELL, Jews and Christians in Egypt, London, 1924, p. 25.




Precedente Precedente - Successiva Successiva



 
Opzioni

 Stampa Stampa


Argomento
Il giudaismo
Il giudaismo

 

 

Christianismus.it - © Tutti i diritti riservati - Copyrights reserved - Omnia iura reservantur
È vietata la riproduzione e diffusione non autorizzata dei contenuti del sito, fatta eccezione per l’uso personale. 


Sito internet realizzato da:
E' una TRX Idea...


Sito realizzato con PHP-Nuke