Benvenuto a Christianismus - studi sul cristianesimo
Cerca
Argomenti
  Area utenti Pagina iniziale ·  Novità ·  Scaricamenti ·  Collegamenti ·  Classifiche ·  Archivio  
Sezioni
· PAGINA INIZIALE
· Il Gesù della storia
  e i suoi seguaci
· Il giudaismo
· L'Antico Testamento
· Il Nuovo Testamento
· Gli apocrifi
· Qumràn
· Letteratura cristiana
  antica
· Incredibile...
  ma falso!
· Recensioni e schede bibliografiche

Christianismus


Per conoscere il progetto Christianismus

· Presentazione
· Andrea Nicolotti
· Gli autori
· I volontari
· Sostienici
· Contattaci


Documento: Valutare le fonti per la ricerca in internet
Messo in linea il giorno Sabato, 22 marzo 2003
Pagina: 5/10
Precedente Precedente - Successiva Successiva


Credibilità

Siccome la gente ha sempre preso importanti decisioni sulla base dell’informazione, l’evidente autenticità e l’affidabilità – o credibilità – sono state sempre importanti.

Se voi leggete un articolo dove si dice che nel posto in cui vivete ci sarà un grande terremoto nei prossimi sei mesi, è importante sapere se questa informazione la dovete credere o meno. Le domande che vi porrete saranno: Cosa rende questa fonte credibile o meno? Come fa questa fonte ad avere questa informazione?, Perché dovrei credere a questa fonte anziché ad un’altra? Come vedete, la chiave per la credibilità è la fiducia.

Vi sono una serie di prove che potete utilizzare per aiutarvi nel giudicare quanto una fonte è credibile o utile:

Le credenziali dell’autore:

L’autore o fonte dell’informazione dovrebbero mostrare qualche evidenza per essere riconosciuti come affidabili e veraci. Alcuni indizi:

  • L’istruzione dell’autore, la sua preparazione e/o esperienza in un campo rilevante per l’informazione. Cercate di ottenere qualche informazione biografica, la laurea dell’autore o la sua posizione.

  • L’autore fornisce un mezzo per contattarlo (e-mail, indirizzo, oppure telefono).

  • Nel caso in cui ci sia qualche documento organizzativo, la paternità sia di una organizzazione conosciuta e rispettabile (corporativa, governativa, oppure senza finalità di lucro).

  • La reputazione dell’autore e le considerazioni che su di lui esprimono i suoi colleghi.

  • La posizione dell’autore (lavoro, impegni, studi).

Controllo di qualità:

La maggioranza degli articoli scritti da studiosi passa attraverso un attento processo di revisione, ove vari lettori devono esaminare e approvare il contenuto prima della pubblicazione. Le affermazioni fatte nel nome di una organizzazione sono quasi sempre state visionate ed approvate da molte persone (ma apprezzate la differenza che passa tra “Allan Thornton, impiegato dall’Agenzia Nazionale di Oceanografia e Atmosfera, dice che si avvicina una nuova era glaciale”, e “L’Agenzia Nazionale di Oceanografia e Atmosfera ha detto oggi che si avvicina una nuova era glaciale”. Nel primo caso l’impiegato sta parlando a proprio nome; invece l’affermazione nel nome dell’ANOA rappresenta la posizione ufficiale dell’ANOA).

L’evidenza di controllo di qualità su materiale Internet comprende questi punti:

  • Informazione presentata in web sites di organizzazioni.

  • Pubblicazioni on-line che offrono referenze di editori o altri.

  • Pezzi d’informazione selezionati da libri o pubblicazioni che garantiscono un processo di controllo di qualità.

Metainformazione:

La metainformazione è l’informazione sull’informazione. Gli operatori dell’informazione (i cosiddetti “operai della conoscenza”), in tutto il mondo stanno costantemente setacciando, elaborando e valutando informazioni, e ne prendono nota.

Siccome la sfida prodotta dal continuo crescere dell’informazione è in aumento, l’accesso a metainformazione di alta qualità sarà ogni giorno piú importante.

La metainformazione puó assumere tante forme, ma ve ne sono due tipi-base: il riassunto e la recensione.

La metainformazione riassuntiva comprende tutte le forme compendiate dell’informazione, come sintesi, descrizioni di contenuti oppure indici. Questo tipo di metainformazione ci permette di dare una rapida occhiata all’argomento del lavoro, e ci offre la possibilità di considerare diverse fonti senza bisogno di leggerle tutte.

La metainformazione di recensione comprende ogni tipo d’informazione che offra qualche giudizio o analisi di contenuto. Questo tipo include recensioni, critiche, revisioni e commenti. Ovviamente, questi due tipi possono combinarsi, risultando la miglior forma di metainformazione, dandoci una visione sui contenuti e una valutazione del loro valore.

Un esempio potrebbe essere una sorta di elenco di pagine internet, che descriva ogni sito selezionato e fornisca una valutazione dei suoi contenuti.

Indicatori di mancanza di credibilità

A volte si può giudicare se l’informazione è sospetta o meno in base al tono, allo stile o alla proprietà di scrittura. Alcuni indizi:

  • Anonimia.

  • Mancanza di controllo di qualità.

  • Metainformazione negativa. Se tutte le recensioni sono critiche, state attenti.

  • Pessima grammatica o errori ortografici. La maggioranza della gente istruita usa la grammatica in modo corretto e controlla il lavoro per evitare errori ortografici. Qualche strafalcione o virgola al posto sbagliato non sono inusuali, ma più di due o tre errori ortografici o grammaticali costituiscono per lo meno un motivo per stare attenti. Se gli sbagli sono il prodotto di trascuratezza oppure di ignoranza, nessuno di questi elementi mette l’informazione o l’autore in una luce favorevole.




Precedente Precedente - Successiva Successiva



 
Opzioni

 Stampa Stampa


Argomento
Incredibile... ma falso!
Incredibile... ma falso!

 

 

Christianismus.it - © Tutti i diritti riservati - Copyrights reserved - Omnia iura reservantur
È vietata la riproduzione e diffusione non autorizzata dei contenuti del sito, fatta eccezione per l’uso personale. 


Sito internet realizzato da:
E' una TRX Idea...


Sito realizzato con PHP-Nuke