Benvenuto a Christianismus - studi sul cristianesimo
Cerca
Argomenti
  Area utenti Pagina iniziale ·  Novitą ·  Scaricamenti ·  Collegamenti ·  Classifiche ·  Archivio  
Sezioni
· PAGINA INIZIALE
· Il Gesù della storia
  e i suoi seguaci
· Il giudaismo
· L'Antico Testamento
· Il Nuovo Testamento
· Gli apocrifi
· Qumràn
· Letteratura cristiana
  antica
· Incredibile...
  ma falso!
· Recensioni e schede bibliografiche

Christianismus


Per conoscere il progetto Christianismus

· Presentazione
· Andrea Nicolotti
· Gli autori
· I volontari
· Sostienici
· Contattaci


Documento: La Mishnah
Messo in linea il giorno Domenica, 26 dicembre 2004
Pagina: 5/11
Precedente Precedente - Successiva Successiva


4. La distruzione del Tempio e la nascita dell'ebraismo rabbinico

Nel momento in cui fu distrutto il Tempio di Gerusalemme, nel 70, le basi della nuova rivoluzione imposta dalla storia erano dunque già state gettate. Fino al 70 era esistito il Tempio con tutti i suoi riti sacrificali, con i pellegrinaggi e con manifestazioni di religiosità completamente diverse dal modo attuale di concepire la religiosità: c'era, per esempio, tutto il sistema delle purità e delle impurità che vincolava enormemente la vita delle persone; ma tutto questo sistema era legato al Tempio, e quindi con la sua distruzione esso entrò completamente in crisi.

I sacerdoti (che rimangono pur sempre ancora oggi nel mondo ebraico, essendo essi i discendenti che portano nel loro cognome l'eredità sacerdotale - "cohen ": sacerdote) persero così le loro prerogative e il loro potere. Presentandosi l'ebraismo del 70 estremamente composito, il potere - più morale che materiale - passò allora in mano alla classe che per secoli si era formata in via alternativa, i Maestri.

Noi ebrei di oggi siamo discendenti di una parte di quell'ebraismo, ma all'epoca esistevano vari tipi di identificazione ebraica, sia attraverso la cosiddetta parte nobiliare (la classe sacerdotale), sia attraverso le forme di tipo sincretistico ellenistico, sia ancora attraverso la miriade di sette che coprivano l'aspetto dell'ebraismo soprattutto nella sua dispersione, più che nella parte che viveva nella terra di Israele. Tutte queste correnti sono scomparse tranne una, quella che ha portato avanti l'ebraismo, e che è stata l'anima della sua sopravvivenza. E stata questa appunto la corrente dei Maestri, che prima si raccoglievano attorno al partito dei farisei. Questo partito si sciolse in quanto non ebbe più motivo di esistere come tale, ma rimase la tradizione portata avanti dai rabbini (che a quell'epoca ancora non si fregiavano di questo titolo; il titolo di rabbino premesso al nome di una persona compare nella seconda metà del primo secolo).




Precedente Precedente - Successiva Successiva



 
Opzioni

 Stampa Stampa


Argomento
Il giudaismo
Il giudaismo

 

 

Christianismus.it - © Tutti i diritti riservati - Copyrights reserved - Omnia iura reservantur
È vietata la riproduzione e diffusione non autorizzata dei contenuti del sito, fatta eccezione per l’uso personale. 


Sito internet realizzato da:
E' una TRX Idea...


Sito realizzato con PHP-Nuke