Benvenuto a Christianismus - studi sul cristianesimo
Cerca
Argomenti
  Area utenti Pagina iniziale ·  Novità ·  Scaricamenti ·  Collegamenti ·  Classifiche ·  Archivio  
Sezioni
· PAGINA INIZIALE
· Il Gesù della storia
  e i suoi seguaci
· Il giudaismo
· L'Antico Testamento
· Il Nuovo Testamento
· Gli apocrifi
· Qumràn
· Letteratura cristiana
  antica
· Incredibile...
  ma falso!
· Recensioni e schede bibliografiche

Christianismus


Per conoscere il progetto Christianismus

· Presentazione
· Andrea Nicolotti
· Gli autori
· I volontari
· Sostienici
· Contattaci


Documento: Gli ebrei di fronte allo Stato
Messo in linea il giorno Domenica, 25 dicembre 2005
Pagina: 2/10
Precedente Precedente - Successiva Successiva


OSEA (fine VIII sec. a.C.)

Uno degli autori più antichi di cui ci sia restata l'opera, sia pure in edizioni più tarde, è Osea. La sua predicazione si svolse nell'ambito di Israele (regno del Nord) e fu violentemente contraria a tutte le strutture dello Stato. Israele stava attraversando una grave crisi economica e morale al tempo stesso. Agli occhi di Osea la situazione di Israele appariva così: «Il paese è nella sofferenza e chiunque vi abita deperisce; perfino le bestie dei campi, gli uccelli del cielo e i pesci del mare scompaiono» (Osea 4,3). La situazione morale non è migliore: «Non c'è fedeltà né compassione né conoscenza di Dio in questo popolo, ma ovunque spergiuri, menzogne, omicidi e rapine, adulteri e violenze: sangue che chiama sangue» (4,1b-2)[1]. In questa situazione l'ira di Dio è vicina (4,1a).

La causa della situazione stava nell'abbandono della vita morale, nel rinnegamento di Yahweh per l'idolatria. Israele è «un popolo stolto che corre alla rovina per mancanza di istruzione» (4,6 e 14). Dio punirà tutti (4,9), ma i veri responsabili sono quelli che oggi chiameremmo i rappresentanti della classe dirigente (5,1). Le radici delle sventure di Israele vanno ricercate a Galgala, dove fu eletto il primo re (9,15)[2]; di queste radici maligne fanno parte i sacerdoti, «come banditi in agguato» (6,9) e i profeti[3], invano colpiti dall'ira divina (6,5)[4]. L'ira di Osea esplode contro tutte le strutture dello Stato.

Potrebbe sembrare che Osea volesse colpire solo le strutture storiche, più che le strutture in quanto tali, ma il rimedio da lui indicato è talmente radicale da escludere questa interpretazione o almeno da renderla molto lontana. Solo Dio può salvare (13,4); è inutile rivolgersi al re perché salvi: «Ti do un re nella mia ira e te lo tolgo nel mio furore» (13,11). Il re è solo strumento di punizione, non solo quando è tolto, ma anche quando è dato.

L'ideale di Osea è il periodo del deserto, quando Dio vi portò Israele, dove lo saziò tanto che si inorgoglì (13,5-6). Lì Dio ricondurrà Israele (femminile in ebraico) per farla ancora una volta innamorare di lui (2,16). E non è difficile leggere sulla base delle sole consonanti il passo di 3,4 nel modo seguente: «Per molto tempo i figli di Israele furono[5] senza re, senza funzionari, senza sacrificio, senza efod e senza terafim». Era questo l'ideale di Osea.


[1] Si veda nel mondo occidentale il concetto di ybris che ebbe Eschilo e non solo lui.

[2] «Tutto il loro male (è nato) a Galgala; lì li ho presi in odio».

[3] Cfr. anche Osea 9,8: «Il profeta è un laccio teso su tutte le sue (di Efraim) vie». Il senso è che qualunque cosa intraprenda Israele, i profeti lo guidano male.

[4]  «Per questo ho colpito i vostri profeti, li ho uccisi con le parole della mia bocca; il mio giudizio è stato chiaro come la luce». Vedi edizione critica di P.G. Borbone, Il libro del profeta Osea, Torino 1990, p. 154.

[5] Il testo dell'edizione postesilica ha inserito questo passo in una profezia e ha letto yšbw come futuro (yešebu) ma la lettura come perfetto (yašebu) è l'unica possibile nell'originale, anche se da pensarsi in un contesto diverso. Cfr. P.G. Borbone, Il capitolo terzo di Osea, in « Henoch » 2, 1980, 257-266.         




Precedente Precedente - Successiva Successiva



 
Opzioni

 Stampa Stampa


Argomento
Il giudaismo
Il giudaismo

 

 

Christianismus.it - © Tutti i diritti riservati - Copyrights reserved - Omnia iura reservantur
È vietata la riproduzione e diffusione non autorizzata dei contenuti del sito, fatta eccezione per l’uso personale. 


Sito internet realizzato da:
E' una TRX Idea...


Sito realizzato con PHP-Nuke