Benvenuto a Christianismus - studi sul cristianesimo
Cerca
Argomenti
  Area utenti Pagina iniziale ·  NovitÓ ·  Scaricamenti ·  Collegamenti ·  Classifiche ·  Archivio  
Sezioni
· PAGINA INIZIALE
· Il Gesù della storia
  e i suoi seguaci
· Il giudaismo
· L'Antico Testamento
· Il Nuovo Testamento
· Gli apocrifi
· Qumràn
· Letteratura cristiana
  antica
· Incredibile...
  ma falso!
· Recensioni e schede bibliografiche

Christianismus


Per conoscere il progetto Christianismus

· Presentazione
· Andrea Nicolotti
· Gli autori
· I volontari
· Sostienici
· Contattaci


Documento: Questioni scottanti su QumrÓn e il cristianesimo primitivo
Messo in linea il giorno Lunedý, 04 marzo 2002
Pagina: 3/7
Precedente Precedente - Successiva Successiva


Edmund Wilson:
silenzi su Qumràn?

Nel 1955 lo scrittore e critico letterario statunitense Edmund Wilson pubblicò un articolo (che poi divenne un libro) riguardo ai manoscritti di Qumràn1.

Egli sostenne che a Qumràn si trovavano già anticipati tutti gli aspetti importanti della dottrina cristiana, anche se la maggior parte degli scrittori cristiani tentava di nasconderlo: “Il monastero di Qumràn […] è forse, più di Betlemme e di Nazareth, la culla del cristianesimo”2. Tale ipotesi derivava da un volgarizzamento di alcune osservazioni in merito che erano state fatte dallo studioso francese AndrÚ Dupont Sommer, che aveva sostenuto una derivazione essena del cristianesimo, in maniera assai più prudente3. Se il dibattito scientifico si era occupato pacificamente di queste tesi, mettendo in luce alcune discutibili interpretazioni dei testi peraltro ancora in via di pubblicazione, il Wilson per primo instillava velatamente il dubbio che qualcuno cercasse di nascondere qualche oscura verità. Il libro, comunque, conteneva interviste ad alcuni degli esperti che si occupavano dei manoscritti, ed era stato anche rivisto da alcuni di essi; l’autore, inoltre, ammetteva di non avere le competenze per prendere una posizione sicura. Anche se talora mancava di quella serenità ed obbiettività che il lettore si aspetterebbe, Wilson non si limitava a proporre le tesi del Dupont, ma dava il giusto spazio anche alla maggioranza degli studiosi che lo contraddicevano. Baigent e Leigh, da parte loro, rincararono la dose, parlando esplicitamente di un complotto e di una caccia all’uomo nei confronti del Dupont4.


1 E. WILSON, The Scrolls from the Dead Sea, New York, 1955.

2 Ivi, p. 97.

3 A. DUPONT SOMMER, Aperçus prÚliminaires sur les manuscripts de la Mer Morte, Paris, 1950; Les Úcrits essÚniens dÚcouverts près de la Mer Morte, Paris, 1959, in cui moderava le precedenti affermazioni.

4 M. BAIGENT – R. LEIGH, Il mistero del Mar Morto. I rotoli di Qumràn: dalla scoperta all’intrigo, Milano, 1997, pp. 58-59.




Precedente Precedente - Successiva Successiva



 
Opzioni

 Stampa Stampa


Argomento
Sensazionalismo
Sensazionalismo

Argomenti Correlati

Incredibile... ma falso!QumrÓn

 

 

Christianismus.it - © Tutti i diritti riservati - Copyrights reserved - Omnia iura reservantur
È vietata la riproduzione e diffusione non autorizzata dei contenuti del sito, fatta eccezione per l’uso personale. 


Sito internet realizzato da:
E' una TRX Idea...


Sito realizzato con PHP-Nuke