Benvenuto a Christianismus - studi sul cristianesimo
Cerca
Argomenti
  Area utenti Pagina iniziale ·  Novità ·  Scaricamenti ·  Collegamenti ·  Classifiche ·  Archivio  
Sezioni
· PAGINA INIZIALE
· Il Gesù della storia
  e i suoi seguaci
· Il giudaismo
· L'Antico Testamento
· Il Nuovo Testamento
· Gli apocrifi
· Qumràn
· Letteratura cristiana
  antica
· Incredibile...
  ma falso!
· Recensioni e schede bibliografiche

Christianismus


Per conoscere il progetto Christianismus

· Presentazione
· Andrea Nicolotti
· Gli autori
· I volontari
· Sostienici
· Contattaci


Documento: La Mishnah
Messo in linea il giorno Domenica, 26 dicembre 2004
Pagina: 3/11
Precedente Precedente - Successiva Successiva


2. Trasmissione e insegnamento della tradizione

Della Torah sono esistiti nel tempo sistemi diversi di trasmissione e di sviluppo attraverso le varie scuole e i vari specialisti, i meturgheman (lett. "traduttore"). Questi non facevano soltanto i traduttori del testo sacro, ma erano una sorta di enciclopedia ambulante in grado di recitare a memoria tutti gli insegnamenti. Esistevano cioè in ogni scuola delle persone che avevano il ruolo precipuo di mantenere la tradizione orale, e che riferivano esattamente quanto avevano appreso. Da questo tipo di trasmissione, quando finalmente la riluttanza a mettere le cose per iscritto fu superata, finalmente nascerà un testo scritto, la Mishnah.

Se andiamo ad una pagina della Mishnah, soprattutto se la leggiamo nel testo originale, ci rendiamo però conto che lo scritto segue una costruzione logica piuttosto differente dalla logica a cui noi siamo oggi abituati.

Un qualsiasi testo di diritto dell'antichità latina, di diritto romano, che per certi versi è coevo a quelli del diritto ebraico, è indubbiamente costruito secondo uno schema logico ben preciso, con uno sviluppo e una discussione dell'argomento propri delle categorie del pensiero occidentale.

La Mishnah invece ed i testi ad essa correlati, non seguono questo tipo di struttura logica: essi hanno un modo di ragionare differente, e risentono del fatto che la trasmissione fino a quel momento era stata orale, evidenziando lo sviluppo di tecniche speciali per rafforzare e per conservare la memoria; tanto che tutta la Mishnah si può leggere anche come un trattato di mnemotecnica. Nella Mishnah la costruzione del discorso viene fatta, per esempio, per analogie, per allitterazioni, per casistiche particolari che mettono insieme delle cose che fra di loro hanno in comune pochi elementi, spesso soltanto formali: tutto questo dipende dal fatto che fino a quel momento la trasmissione era orale.

Riepilogando: esistono una Torah scritta e una Torah orale. La Torah orale ha dei motivi particolari per essere trasmessa in modo distinto dalla Torah scritta, e poiché essa si riferisce a una realtà in continua evoluzione, metterla per iscritto significherebbe in qualche modo bloccarla, congelarla, mentre invece è proprio della tradizione orale l'idea dello sviluppo permanente.




Precedente Precedente - Successiva Successiva



 
Opzioni

 Stampa Stampa


Argomento
Il giudaismo
Il giudaismo

 

 

Christianismus.it - © Tutti i diritti riservati - Copyrights reserved - Omnia iura reservantur
È vietata la riproduzione e diffusione non autorizzata dei contenuti del sito, fatta eccezione per l’uso personale. 


Sito internet realizzato da:
E' una TRX Idea...


Sito realizzato con PHP-Nuke